Home
15 | 12 | 2018
Capitolo Generale Stampa E-mail

Riceviamo dal nostro Custode Generale presente all'apertura del Capitolo Generale della Congregazione Salesiana

  

  

  

  

  

  

  

dall'agenzia ANS: 

3/3/2014 - RMG - CG27: la cerimonia d’apertura - 1
 
 
 
 (ANS – Roma) – Alla presenza di innumerevoli autorità ecclesiastiche e religiose, ha avuto luogo nella mattinata di oggi, 3 Marzo, la solenne cerimonia d’apertura del Capitolo Generale della Congregazione Salesiana. Nel messaggio di apertura il Rettor Maggiore, Don Pascual Chávez, ha spiegato: “ci preoccupa non il futuro della Congregazione, quasi fosse una questione di sopravvivenza, quanto la nostra capacità di profezia”. Il primo atto è consistito nella liturgia d’invocazione dello Spirito Santo: è stato intronizzato il Vangelo, di cui è stato letto un passo (Gv 21, 20.22-24) ed è stato recitato l’articolo delle Costituzioni che descrive il Capitolo Generale; quindi tutta l’assemblea ha innalzato dapprima una preghiera a Don Bosco, poi il canto Veni, Creator Spiritus.Immediatamente dopo Don Chávez ha iniziato a presentare il discorso d’apertura: “la Congregazione – ha ricordato – è chiamata in questo Capitolo a rinnovarsi in forma tale da avere la freschezza delle origini, lo slancio missionario della sua adolescenza, il dinamismo della sua gioventù, la santità della sua maturità”. Essa si presenta unita, ma “l’unità della Congregazione non significa uniformità”.“È evidente pertanto che il Capitolo deve aprire le porte ad una discussione che tenga conto di tutti questi elementi. Tutti sono liberi di esprimere i loro pensieri circa il compito della Congregazione oggi e a riguardo delle sfide più urgenti. Allo stesso tempo tutte le proposte devono ritrovarsi nella linea e nello spirito del Vangelo, nella fedeltà a quanto ci indicano le Costituzioni”.“Certamente leggi e tradizioni, che sono puramente accidentali, possono essere cambiate, ma non ogni cambiamento significa progresso. Bisogna discernere se tali cambiamenti contribuiscano veramente a riaffermare l’identità, a rinsaldare l’unità, a promuovere la vitalità, la santità della Congregazione”.Ogni Capitolo costituisce una tappa importante che proietta la Congregazione verso un nuovo sessennio. Ma “il CG27 – sottolinea Don Chávez – punta a qualcosa di nuovo e di inedito. Ci spinge l’urgenza della radicalità evangelica. Siamo chiamati a tornare all’essenziale, ad essere una Congregazione povera per i poveri, e a ritrovare ispirazione dalla stessa passione apostolica di Don Bosco.” Prima di concludere, il Rettor Maggiore ha ringraziato i Consiglieri per la collaborazione leale, generosa e qualificata e invitato l’assemblea ad una presenza attiva: “A tutti voi, carissimi confratelli, dunque la parola, ma anche l’invito ad aprire il cuore allo Spirito, il grande Maestro interiore che ci guida sempre verso la verità e la pienezza di vita”.Il cardinale João Braz de Aviz, Prefetto della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica, nel suo intervento ha preso spunto dalla Lettera di convocazione del Rettor Maggiore Don Chávez, nella quale ci si domanda: “quale vita consacrata è necessaria e significativa per il mondo di oggi?” e ha sintetizzato la risposta nell’espressione: vivere la profezia della comunione e della fraternità.Si tratta di passare dalla sequela Christi individuale alla sequela Christi comunitaria, e, parafrasando Santa Teresa d’Avila, costruire oltre il “castello interiore” anche il “castello esteriore”: andare a Dio insieme ai fratelli e le sorelle.Spiritualità di comunione sul modello della Trinità: ecco il paradigma per la realtà odierna nella quale si è chiamati a essere costruttori di comunità oltre che consumatori. Per rendere concreto ogni giorno lo “spirito di famiglia”, caratteristico dell’esperienza educativa e spirituale di Don Bosco.Pubblicato il 03/03/2014